Galactica

Nei miei ricordi "giovanili" c'è un posto riservato ad un'altra serie televisiva che guardavo con piacere.
Si tratta di "Galactica", una produzione americana del 1978 di tal Gary Larson. Se ne conta una sola stagione di 24 episodi ed è stata trasmessa in Italia in varie riprese dal 1978 al 1985. Realizzati anche 2 film, uno dei quali costituisce il cosiddetto "Pilota" uscito in Italia col titolo: "Battaglie nella galassia".
Nel 1980 fu prodotto il sequel "Galactica 1980" ambientato 30 anni dopo gli avvenimenti della prima serie.
Il tutto è oggi disponibile in DVD.
Ma veniamo alla storia: la specie umana ha origine extraterrestre e si è sparsa per la galassia colonizzando diversi pianeti.
In un sistema solare non ben precisato, essa vive in una confederazione di 12 pianeti. Il popolo di robot dei Cyloni per un non ben definito motivo in guerra con l'uomo da molti anni, distrugge le 12 colonie con un attacco a sorpresa, dopo aver teso un agguato alla flotta stellare degli umani.

Il trittico di piloti Cyloni

Il termine "Cyloni" è in verità improprio, perchè i Cyloni non sono i robot, bensì il popolo che li ha costruiti e che da essi è poi stato sterminato, possiamo paragonare la cosa un po' a quello che è avvenuto per il "mostro di Frankenstein" conosciuto dai più semplicemente come "Frankenstein". Dopo questa orrorifica parentesi, riprendiamo il discorso; i superstiti fuggono attraverso lo spazio, a bordo di diverse astronavi civili, per l'esattezza 220, scortate dall'unica astronave da battaglia rimasta intatta, il Galactica.
Il comandante Adama (Adamo per la versione italiana) guida la flotta alla disperata ricerca del mitico pianeta terra, dove la leggenda narra che sia insediata la tredicesima colonia. Ed è proprio questa ricerca il filo conduttore della serie, con i fuggiaschi sempre tallonati dai robot (i cui esemplari più agguerriti sono i cosiddetti "Centurioni" ) che hanno deciso di spazzar via la razza umana dalla galassia. L'identità del loro condottiero serpiforme, resterà per sempre un mistero; che sia lui l'ultimo rappresentante del popolo dei Cyloni? In seguito, sarà il traditore Baltar a prendere in mano le redini dell'inseguimento, coaudivato (o tenuto d'occhio?) dal Cylone Lucifero.

Molti i riferimenti teologici, a cominciare dal viaggio verso la terra promessa, a Israele e al Cattolicesimo, ma in special modo ai Mormoni per i richiami alla struttura gerarchica delle loro istituzioni. Molti sono anche i riferimenti storici e mitologici, come quelli evidentissimi all' Egitto e ai Maya, a cominciare dalle uniformi e dai caschi dei piloti dei Viper, i caccia da combattimento del Galactica che vengono letteralmente "sparati" fuori da questa sorta di portaerei stellare.

Tarbuck con il casco
Il caccia VIPER


Le dodici colonie portano nomi come "Caprica", "Aries", Acquaria", che danno un tocco astrologico al tutto.
A chiudere il cerchio, i nomi dei personaggi principali che spaziano da Apollo ad Athena, passando per Cassiopeia e Troy e il Cylone Lucifero.
Insomma, chi più ne ha, più ne metta.

Oltre alla figura guida del comandante Adama (Loorne Greene), spiccano i ruoli di suo figlio Apollo (Richard Hatch) e del pilota scavezzacollo e un po' playboy Starbuck (Dirk Benedict), soprannominato "Scorpion". Nonostante gli effetti speciali spesso un po' "ingenui" e le situazioni a volte comiche, una serie comunque interessante. Molte anche le Guest Stars di un certo prestigio fra le quali Jane Seymour, Britt Ekland, Fred Astaire, Lloyd Bridges e Ray Milland.
La serie ebbe un buon successo di pubblico ma fu sospesa per gli eccessivi costi di produzione. L'episodio pilota, un film che raccoglieva i primi 3 episodi, usci' in contemporanea con Star Wars e in alcuni paesi ebbe addirittura piu' successo del film di George Lukas con il quale ci furono diverse controversie legali per questioni di plagio rinfacciate dall'una e dall'altra parte.

Il ponte di comando, a destra, Adama
Apollo
Il pilota Boomer
Il traditore Baltar
Il caccia dei Cyloni, il RAIDER
Nella seconda serie "Galactica 1980" i fuggiaschi arriveranno finalmente a trovare la terra e cercheranno di contattare i terrestri in modo discereto per non creare panico, ma gli incaricati della missione si metteranno ben presto nei guai, tirandosi dietro una avvenente e intraprendente giornalista. Questo sequel lascia purtroppo molto a desiderare per il livello degli episodi e per gli effetti speciali praticamente nulli. Le scene di battaglia dei caccia sono riprese dalla serie precedente e l'azione si svolge principalmente sulla terra, addirittura con puntate nel passato della stessa, segno che le idee degli sceneggiatori scarseggiavano parecchio. Cambio di attori principali, in azione la generazione successiva a quella della prima serie che vede solo il comandante Adamo alle prese con i suoi nipoti. Francamente, da dimenticare; fu probabilmente per causa sua che la proposta di un seguito fatta nel 1998, non venne presa in considerazione. La serie resta infatti sospesa "a mezz'aria".
Il cast del 1980
Un centurione
I DVD della serie 1978 e 1980:
La serie in DVD

Alla prossima pagina, la nuova serie del 2003...

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna