logo

un ufo

Erano i primi anni 70, precisamente il 1971, quando non so la vostra, ma la mia attenzione fu attirata da una serie di telefilm un po' fuori dal comune per quei tempi. Eravamo da tempo abituati ai film di fantascienza e alla venuta di cose da un altro mondo, a giorni di trifidi e robot da ultimatum, nonchè pianeti proibiti, ma quelle strane trottole volanti dal caratteristico sibilo avevano un fascino tutto particolare. Pilotati da alieni dalla pelle verde (ma lo avremmo scoperto solo qualche anno dopo al cinema, visto che la tv era ancora in bianco e nero) questi veicoli arrivavano sulla terra seguendo chissà quale disegno misterioso. Basi sotterranee e addirittura una base sulla luna, dove fra colonnelli un po` playboy in abbigliamento futuristico ed elegante e piloti di intercettori in tute sagomate, si aggiravano avvenenti ragazze in minigonna e capelli a caschetto di color viola (anche questo lo avremmo scoperto in seguito). Sottomarini in grado di lanciare aerei armati di missili, mezzi corazzati e caccia spaziali contrastavano gli invasori che invasori poi non erano, viaggiavano infatti, per milioni di miglia, col solo scopo di rapire qualche povero terrestre, del quale usavano gli organi per sopravvivere.
Il satellite SID in orbita stazionaria, che scandiva con un tono piatto: "Allarme rosso, allarme rosso. Oggetto volante non identificato in avvicinamento. Distanza: 20 milioni di miglia..." e i tre intercettori che si alzavano in volo da altrettanti crateri lunari... chi se li dimentica più?

Logo della SHADO


Si trattava proprio di "UFO" che faceva la sua comparsa in Italia. Ideata e prodotta nel 1969 dalla coppia inglese Jerry e Sylvia Anderson, questa serie di telefilm per la TV divenne presto una serie cult nel suo genere.
La serie conta 26 episodi di 50 minuti l'uno, non tutti trasmessi in Italia a causa di contenuti non sempre adatti ai ragazzi (andava infatti in onda se ben ricordo di domenica alla TV dei ragazzi e già dal 1970 era trasmessa dalla televisione della Svizzera italiana).

Gli effetti speciali erano per quei tempi più che accettabili (gli Anderson erano già i produttori di THUNDERBIRDS, la serie con i pupazzi, ricordate?), la sigla iniziale resta ancora oggi un mito, con la sua musica indimenticabile.
Alla serie seguirono in Italia 5 film, realizzati miscelando insieme alcuni degli episodi non trasmessi in TV e riciclando scene prese dai vari episodi, un esperimento non sempre di esito felice.

Fu ritrasmessa in seguito da varie emittenti, in edizione restaurata nel 1996 dalla RAI e nel 1999 da Tmc2, con scene inedite.

Il SID

La serie è ambientata nel 1980, narra come già accennato della lotta senza quartiere fra misteriosi alieni che vengono sulla terra apparentemente per rifornirsi di organi umani (questo aspetto viene evidenziato solo in pochi episodi) e la SHADO, organizzazione creata dal governo britannico, che si cela sotto il paravento di uno studio cinematografico, la Harlington-Straker, a Londra. Questa copertura fu studiata a fagiuolo, la serie venne infatti girata negli studi della Pinewood senza dover allestire dei set a parte e integrando scenari e ambientazioni di normali produzioni.

Base luna

La serie completa si può acquistare da diversi anni in lingua italiana su dvd, in due bei cofanetti. Un paio di anni fa è stata riproposta dalla Hachette con delle uscite bisettimanali in edicola.

UFO doveva avere un seguito, che si trasformò invece in un'altra serie di successo, SPAZIO 1999 in cui vengono narrate le vicende di una base lunare e dei suoi occupanti dopo che la luna abbandona per un incidente la sua orbita intorno alla terra.

Non mi soffermo ora sui dettagli degli episodi che approfondirò magari in un altro articolo ma ci tengo a ricordare due degli attori principali, Ed Bishop e Michael Billington, che nelle rispettive parti del comandante Ed Straker e tenente Paul Foster, ci hanno fatto sognare e giocare di appartenere alla SHADO (Supreme Headquarters Alien Defence Organisation).

Ed Bishop

Michael Billington

Ci hanno lasciati entrambi nel 2005 a distanza di pochi giorni uno dall'altro per continuare la loro avventura fra le stelle.

Prossimamente, notizie e curiosità sulla serie TV, sui film e fotoromanzi, nonchè sulla serie di fumetti della Edifumetto che ne prese spunto e sui diversi modellini che ancora oggi sono bramati da collezionisti e fan della serie.

Godetevi ora un po' di foto tratte dai vari episodi.

Il tenente Ellis

Sala di controllo a base luna Tenenti Gay Ellis e Nina Barry

I tre intercettori sulle rampe di lancio

Il sottomarino SkyDiver

Lo SkyOne

George Sewell, il colonnello Alec Freeman

Wanda Ventham, il colonnello Virginia Lake

Gary Myers, il capitano Lew Waterman

Sala di controllo della SHADO

Shado mobile

Alieno

Ufo!

 

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna