Marchetti e Ferri

I due giorni della kermesse lucchese riguardanti l'evento zagoriano hanno riscosso un bel successo di pubblico, nonostante la fastidiosa pioggia che se pur a tratti non è praticamente mai cessata. Moreno Burattini, oramai navigato capitano di lungo corso, ha orchestrato con la solita cordiale ma efficace semplicità tutte le varie “voci” che si sono messe a disposizione di un pubblico attento e partecipe. Tutti i disegnatori, gli sceneggiatori e il bravissimo cantante Graziano Romani (ben noto ai fan zagoriani) hanno contribuito a rendere speciale questi due giorni che, va detto, hanno avuto due mattatori d'eccezione: il Magister Monetae Giuliano Marchetti e il Maestro Gallieno Ferri.

I due hanno da subito avuto un intesa particolare, spesso sparivano dietro il laboratorio della Zecca a vedere monete, miniature e attrezzi di lavoro dell'incisore. Marchetti ha battuto moneta, dopo aver piantato uno spadone sul trave del soffitto per ”parcheggiarlo” e liberarsi le mani dall'ingombro, un Ferri affascinato e attento con la curiosità dei bambini seguiva (come tuttra la sala del resto) i gesti esperti del Marchetti che in pochi secondi gli passava in mano una piccola moneta. 

Forse il momento piu bello è stato quando il Magister ha fatto omaggio a Ferri della matrice in metallo della medaglia di Zagor, sicuramente un gesto dell'artista a riconoscere un artista, se mi passate il gioco di parole.

Stampo Medaglia

Ecco il presidente della Zecca, Alessandro Colombini, che presenta gli incontri. Al tavolo da sinistra a destra: Moreno Burattini, Renato Genovese, Gallieno Ferri e Giuliano Marchetti

ALessandro Colombini

La splendida sala della mostra.

Tributo alla leggenda Zagor sala

Musicalmente Zagor... Graziano Romani

Graziano Romani

Graziano Romani e Gallieno Ferri

Gallieno Ferri

Giuliano Marchetti arriva con uno spadone... siamo tutti un po' preoccupati...

Spadone

...lo pianta solo nella trave...

trave

e batte monetaMarschetti

Consegna delle placchette agli ospiti

Consegna

Riprese televisive per un documentario su Zagor del regista Riccardo Jacopino.

Televisione

Una placchetta e relativa custodia

Placchetta

Organizzatori e ospiti a pranzo

Cena

Lo sprito con la scure?

La scure

Ecco lo Zagor a colori di Repubblica, 150 copie sono state messe a disposizione dall'editore come omaggio ai visitatori, per l'occasione punzonate e col timbro della Zecca, una copia gratutita a visitatore fino a esaurimento. Ricordo che l'ingresso alla mostra è gratuito. Le placchette possono essere acquistate contattando a questo link la Zecca di Lucca

Zagor Repubblica

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna