Comicon

Ero pronto a quattro giorni di immersione totale nel mondo del Fumetto, Cosplay, Gioco e quant'altro mi avesse offerto il Napoli Comicon di quest'anno. Talmente pronto ed immedesimato nella parte da essermi anche preventivamente accreditato via web come "Addetto Stampa".

Così, rimasto a piedi per uno sciopero della ferrovia "Cumana" (cominciamo bene, avevo pensato... non sapendo che la giornata mi avrebbe riservato altre sorprese) mi sono avvalso di un passaggio in auto da mio fratello, non molto contento di farsi il viaggio due volte (si era rimasti che lui e altri mi avrebbero raggiunto nel pomeriggio) e sono arrivato alla Mostra d'Oltremare intorno alle 10:30 di sabato 27 aprile.

Molta gente in coda alle due casse aperte della biglietteria, i più furbi avevano preso i biglietti in prevendita (anche io, ma non quello per me).

Come ad una partita di calcio, presenti anche diversi bagarini... il perchè mi è stato chiaro dopo le 2 ore e 30 di attesa allo sportello degli accrediti, sotto un cocente sole alla temperatura di 27 gradi.

Eppure avevo solo una quarantina di persone davanti, ditemi voi, anzi spiegatelo alle signorine che erano dall'altra parte del vetro, cosa ci vuole a controllare un nome su una lista e scriverlo su un cartellino? Terminali bloccati, è stata la scusa ufficiale, ma in effetti si andava molto, troppo a rilento e nessuno degli addetti ha avuto il coraggio, o meglio, l'intelligenza di prendersi la responsabilità di sveltire il tutto senza tanti controlli, nonostante le molte proteste e gli animi che si scaldavano, complice il sole che picchiava impietoso. In fin dei conti molti di noi (perfino degli autori) avevano anche tanto di copia cartacea della mail di conferma, cose da pazzi. Un amico a cui avevo dato un biglietto acquistato in prevendita, è entrato nel giro di 5 minuti... aspettandomi poi per due ore. Altri che ho incontrato hanno preso con gli stessi biglietti in prevendita più di un braccialetto... braccialetto che fra l'altro veniva gentilmente richiesto all'uscita dai bagarini che sapevano perfettamente come toglierlo e reincollarlo al polso senza che si vedesse la manipolazione (a detta di uno di loro, il trucco glielo aveva svelato addirittura uno degli addetti ai controlli). Complimenti! Insomma, cari organizzatori, aprite di più gli occhi la prossima volta e controllate quello che c'è davvero da controllare.

Mentre aspettavo, qualcuno ha per fortuna distribuito un giornale, che molto ben si è prestato come copricapo anti insolazione, giuro che poi l'ho anche letto. Così bardato, ho avuto anche il piacere, o la sfortuna a seconda dei punti di vista, di essere intervistato e filmato da non so nemmeno chi, mentre ero in coda a lamentarmi ( e non ero il solo). Ma stendiamo un velo pietoso sul tutto e andiamo avanti.

Leggermente demotivato e molto accaldato sono entrato in fiera alle 13:30. Come si vede dalle foto, affluenza di pubblico notevole, giornata come già fatto notare, splendida.

La Mostra d'Oltremare

Mostra

Giardini

Molti incontri erano ormai persi, quindi me la sono presa comoda. Ad accogliermi, oltre al mio amico seccatissimo, la mostra su Alan Moore e consorte Melinda Gebbie, il Canzoniere illustrato di Daniele Sepe, la mostra sulla letteratura disegnata in Italia (di cui parlerò separatamente) Moebius, DC Comics, Martin Mystère di cui potete trovare i resoconti seguendo i link a fine pagina o cliccando qui: Martin e Moebius. Della partita anche una mostra proveniente dalla Svizzera (che avevo infatti già visionato a suo tempo) e altro ancora.

Alan Moore, tavole e sceneggiature.

Alan Moore

Alan Moore

Swamp Thing

AM

Alan Moore

Tavole di Melinda Gebbie:

Melinda

Daniele Sepe:

Daniele Sepe

Fumetti su bigliettini per notizie 10x10, una proposta Svizzera...

Atrabile

Atrabile

Dopo l'angolo dedicato alle mostre, la zona editori e rivenditori. Tutto come da copione. Ecco un rilassato e chiacchierante Sergio Pignatone:

Pignatone

Lo stand della Bonelli, sempre ben frequentato dal pubblico. Presenti per autografi, disegni e presentazioni nei quattro giorni della fiera Luigi Siniscalchi, Marco Roderà, Bruno Brindisi, Lucio Filippucci, Enrique Breccia, Mauro Laurenti, Fabio Valdambrini, Sergio Gerasi, Massimo Pesce, Italo Mattone, Ernesto Pugliese, Gianluca e Raul Cestaro. Presentata la nuova miniserie "Saguaro".

Bonelli

Bonelli

Magic Press

Comics

Molti i Cosplayer in giro ma ne ho notati pochi veramente "belli", probabilmente il meglio si è visto domenica. Ecco comunque un piccolo assaggio:

Ezio da Assassins Creed

Cosplayer

Final FantasyCosplayers

Il colore viola?

Cosplayers

Lamù, complimenti.Cosplay

Aria pesante al Comicon...Cosplay

Un improbabille terzetto da Alice nel paese dei ...buongustai?

Alice

Fabbricanti di cioccolata e altre storieCosplay

Sul palco allestito per il Cosplay Contest, nei giardini della Mostra d'Oltremare fra i padiglioni, un gruppo di tre ragazze visibilmente Giapponesi, provava le esibizioni che si sarebbero tenute nel pomeriggio. Confermo infatti che dopo le 17 risuonavano nell'aria strani canti simili a lamenti delle sirene, pare fossero nientepopodimeno che "Eriko + DJ Shiru", seguiti poi dal "Tokyo Dolores Kimono Show" che non ho avuto tempo di guardare e non è che mi sia poi tanto dispiaciuto.

Palco

All'aperto anche un simpatico Monopoly gigante e altri giochi da tavolo/spiazzo:

Monopoly

In un padiglione a parte, esibito il Murales di Andrea Pazienza, che potete vedere cliccando quì.

Area Giochi molto ben frequentata, scacchi, Subbuteo, Scopone scientifico, giochi da tavolo, tornei di retrocomputer su Amiga e naturalmente anche Videogames dell'ultima generazione, giochi di ruolo per tutti i gusti, da Warhammer a Dungeon & Dragons e perfino un Cluedo live Diabolik.

Scacchi

 Giochi

Videogames

All' esterno diversi tornei di spada, anche un gruppo ispirato al Trono di spade (Game of Thrones) di cui è uscita anche la versione a fumetti, anche se non è chiaro quando e se la pubblicazione continuerà.

Game of Thrones

Tornei

Certo che... una foto sul trono 1 Euro, e si... tempi duri anche per i re...!

Il trono di spade

Torniamo dentro, all'ombra. Moltissimi gli stand con Gadget e figure, per lo più da Manga e affini:

Figure

Figure

Ecco anche le Action Figure di Metal Gear Solid di cui avevo parlato quì tempo fa. Quotazioni da 80 Euro a figura fino ad arrivare a 250 per il doppio pacco Snake e Meryl. Da matti. Metal Gear

Giochi

Ecco Eleutieri Serpieri, un po' freddino mentre autografava su prenotazione intere collezioni di Druuna e compagnia, ma forse solo la mia impressione:

Serpieri

In programma anche diversi incontri e proiezioni di film di animazione e sui fumetti, anteprima del film "Hunger Games" a Castel Sant'Elmo e molte mostre in giro per la città aperte già da inizio aprile. Io purtroppo non ne ho visto nemmeno una, troppo impegnato a girare altrove. Per il premio Micheluzzi, riporto alcuni dei premiati, la lista completa la trovate sul sito del Comicon, link nella pagina "Compagni di viaggio".

MIGLIOR FUMETTO: Quaderni russi - La guerra dimenticata del Caucaso, di Igort (MONDADORI - STRADE BLU)

MIGLIOR SERIE DAL DISEGNO REALISTICO: Shanghai Devil, di G. Manfredi/AA.VV. (SERGIO BONELLI EDITORE)

MIGLIOR DISEGNATORE: Matteo Alemanno, per proTECTO (NONA ARTE)

MIGLIOR SCENEGGIATORE: Marco Peroni, per Adriano Olivetti, Un secolo troppo presto (BECCO GIALLO)

MIGLIOR SERIE A FUMETTI ESTERA: The Walking Dead, di Robert Kirkman/AA.VV. (SALDAPRESS)

MIGLIORE RIEDIZIONE DI UN CLASSICO: L'Eternauta, di Héctor Germán Oesterheld/Francisco Solano López (001 EDIZIONI)

MIGLIOR BLOG O WEBCOMIC: Zerocalcare.it, di Zerocalcare - www.zerocalcare.it

Molta attività anche gli stand di scuole di grafica, fumetto, disegno e animazione 3D. La scuola di Comics ha aperto da poco una sede a Napoli.

Ecco alcuni bravi artisti all'opera:

arte

Palumbo

Artisti

La domenica ho snobbato il Comicon in favore della famiglia. In serata, restando comunque in tema fumetto sono andato al cinema a vedere gli Avengers, film che consiglio non solo agli amanti dei supereroi Marvel. Davvero ben fatto, probabilmente il migliore fino ad oggi. Il lunedì seconda puntatina alla Mostra in compagnia di mio fratello, di pomeriggio; qualche acquisto allo stand di Little Nemo dove gironzolava anche Salvatore Taormina, che ha presentato in un incontro la sua guida alle "nuove censure di Tex e albi parzialmente censurati", per la gioia dei colleziotexisti che continueranno così nelle loro interminabili discussioni sui forum specializzati e non... Aspettiamo ora notizie sugli "albi parzialmente scremati". Taormina si lamentava della scarsa affluenza di collezionisti e amanti dei fumetti "veri": "Troppi ragazzini, troppi Manga etc etc". Ci ha invitato a passare dal suo stand ma non abbiamo avuto il tempo di farlo. Un altro venditore, vedendomi interessato alla sua merce, mi ha spiegato quali sono i numeri difficili della Gordon edizione Spada, dei supereroi Corno e tante altre serie. Io molto diplomaticamente ho fatto finta che fossero tutte cose che non sapevo.

Interessanti scambi di opinioni con quelli della 001 Edizioni (pare sia in porto un'altra edizione dell' Eternauta perchè si son trovate altre tavole originali di Lopez... ma che scherziamo? Prima fanno una edizione limitata e alquanto costosetta presentandola a Lucca Comics, incassano anche il premio Micheluzzi, e poi pensano già di farne un'altra? Mi pare un pochino una presa per il sedere, se mi è consentito. Indagherò. Sempre allo stand della 001 momenti di panico quando il simpatico editore ha chiesto a mio fratello, che era indeciso su quali "Weird" prendere, se conosceva le opere di Ray Bradbury. Io ho guardato da un'altra parte, temendo il peggio, ma fortunatamente il mio consanguineo ha mantenuto il controllo. La scelta é caduta, senza che lei o qualcun'altro si facesse male, su questi due:

Weird Tales

Per le Edizioni NPE di Nicola Pesce, da segnalare il bel cartonato "Moby Dick" illustrato da Bill Sienkiewicz. Ho chiacchierato un po' con il competente Andrea Mazzotta, direttore editoriale della NPE e alla fine insieme a mio fratello abbiam preso anche il non più fresco Coraline e altri fumetti dell'editore che presenta sempre albi di grande qualità. Guardando il Blog di Andrea, Il faro del Glifo, di cui troverete il link nella nostra pagina Compagni di viaggio, mi sono accorto che abbiamo molti gusti in comune. Lo consiglio.

Moby Dick

Moby Dick

Coraline

NPE

Chiacchierate anche con il sempre professionale e cordialissimo Nicolò Zappulla, che reputo uno dei più seri "mercanti" sulla piazza, mercato in crisi e prezzi che dovrebbero scendere, ma alla fine sono pochi quelli che li abbassano. Ho intavolato una trattativa con un altro venditore per due albi della collana Rodeo (il 6 e 7) che però non mi hanno convinto appieno e che ho quindi lasciato perdere, di busta e non proprio in ottime condizioni per il prezzo richiesto. In effetti sono anni che li vedo sempre li... prima o poi se il prezzo si adegua, li prenderò.

Il martedì, anche se era l'ultimo giorno del Comicon, ho deciso di saltarlo, anche per una questione di mobilità non sempre facile a Napoli. Altra puntatina al cinema, "Battleship", dal gioco omonimo della Hasbro. Divertente, anche se mi ha dato l'impressione di essere un film di propaganda per l'esercito americano. Inutile dire che saltando saltando, per distrazione ho saltato anche la mostra su Diabolik al PAN che si chiudeva il 2 maggio, della quale ho però recuperato il catalogo. E ormai, preso dalla febbre del catalogo, ho reperito anche quello sulla mostra di Aldo Di Gennaro dell'anno scorso al Castel Sant'Elmo e quello della mostra di Sergio Tarquinio a Torino, cataloghi che consiglio a tutti gli appassionati di fumetti e illustrazione.

Diabolik

Di Gennaro

Tarquinio

Tirando le somme, il Comicon non mi ha entusiasmato particolarmente, forse sono ormai troppo abituato agli standard e all'atmosfera di Lucca Comics, o forse ero contrariato dalle difficoltà di muoversi a Napoli. Certo è che per Napoli si tratta comunque della più importante e apprezzata manifestazione sulla nona arte, che ha rilanciato e continua a tener viva la passione per il fumetto e tutto quanto a esso collegato, e io mi sono comunque divertito. Peccato solo che ci siano sempre quelle piccole cose che stonano.

Per chiudere in bellezza il mio soggiorno fumettistico a Napoli, il sabato successivo, dopo una bella mangiata di pesce da "Giona" sulla spiaggia di Miseno, abbiamo fatto un salto alla "Fiera del baratto", sempre alla Mostra d'Oltremare, trovando un paio di cosette interessanti a prezzi accessibili (e si, si baratta denaro con merce varia, da quì il nome). Eccone una a caso:

Miki

Altro piccolo momento di panico quando una mia amica che comprava classici Disney ha chiesto al venditore che già aveva inscenato un mezzo teatrino per polli con un suo compare, decantando le lodi di alcuni "albi fantasticamente conservati che aveva solo lui a prezzi irrisori, roba per intenditori", quanto costasse un albo con su Cocco Bill e lui le ha risposto "eh, signorì, ma questo è Jacovitti"...

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna