Dago e VerdiIl personaggio di Dago è certo uno dei più amati fra tutti quelli scaturiti dalla penna di Robin Wood.

Anche io mi annovero fra i suoi affezionati lettori, in particolare da quando è disegnato dall' argentino Carlos Gomez. L'ho ritrovato quindi molto  volentieri in questa mostra a Palazzo Guinigi a Lucca, immortalato su innumerevoli tavole a matita, inchiostro e colore.

L'esposizione è incentrata sulla storia "Segreti Lucchesi" nella quale grazie alla fantasia di Wood su un'idea di Angelo Nencetti, troviamo Giacomo Puccini e Giuseppe Verdi a narrarci questa avventura che si svolge in epoche diverse. Giuseppe Verdi prende spunto per alcune delle sue opere da un vecchio libro contenete le avventure di Dago.

Si incrociano così, fra fantasia e realtà, i destini di questi tre personaggi, in una Lucca che già in passato è stata teatro delle imprese di Dago. La mostra è aperta fino al 31 dicembre. 

 Dago

Una cornice adatta al personaggio:

Dago

Le tavole a matita e le rispettive versioni definitive a colori. Ecco Giacomo Puccini nella interpretazione di Gomez:

DAgo

Dago

 Inchiostrature

Dago

Dago

Particolare delle matite di Gomez e versione della tavola a colori. La parte che riguarda Puccini e Verdi è realizzata in sfumature dorate. Il talento di Gomez sprizza fuori da tutte le sue tavole, le sue matite sono dei veri e propri capolavori.

Dago

Dago

Dago

Dago

Dago

Dago

Dago

Dago

Dago

Dago

Dago

Dago

Dago matite

Dago

Dago

Dago

Verdi

Dago

Dago

Dago

Dago

Dago

Dago

Dago

Dago Lucca

Prossimamente i video e le foto dell'incontro con gli autori.

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna