La Rocca di Narni

Nella bella cornice della rocca di Narni, capace di donare a tutta la manifestazione una splendida atmosfera medioevale che ben si addice a questi eventi, si è rinnovato l'appuntamento con Narnia Fumetto, ormai giunto alla 4° edizione.
Diciamolo subito: Narnia fumetto non è una mostra mercato dedicata ai collezionisti più incalliti. Ma non fatevene un cruccio e buttatevi su quello che c'è, che non è poco...
Certo, di espositori ce ne sono, e un giro tra i banchi ce lo siamo fatti tutti, ma trattano quasi esclusivamente materiale recente, come da tradizione per questa mostra-mercato. Ma è ben altro il piatto forte di Narni, e credo di poter dire che molti ne fossero ben consapevoli, perchè tutta l'attenzione è stata dedicata agli autori, presenti in gran numero, sia tra coloro che oramai sono affermatissimi, sia tra quelli che cercano un proprio spazio al sole.
Tra i primi, a fare la parte del leone sono stati soprattutto gli autori di casa Bonelli, che oltretutto hanno disegnato a più mani l'albetto promozionale di Dylan Dog dato in omaggio ai visitatori.

Se avete seguito la manifestazione, i nomi li sapete già, nell'arco delle due giornate sono passati dallo stand Bonelli e hanno firmato autografi a tutti coloro (e erano tanti) che lo chiedevano.
Ospite d'onore, Bryan Talbot, autore inglese apprezzato da critica e pubblico che ha al suo attivo storie di Sandman, Hellblazer, Batman e tanto altro ( compresi Alice in Sunderland e Slaine ).
Un vero peccato che non sia riuscito ad avere uno dei suoi disegni, piuttosto ambiti.... La concorrenza mi ha battuto e non sono rientrato tra i più veloci! Lo confesso, colpa mia che ci ho dormito sopra... Comunque tanto di cappello all'autore che ha dedicato veramente tante ore a disegnare per i suoi fans.
Ma a tirarmi su il morale ci hanno pensato tutti gli altri autori, alcuni dei quali vere e proprie scoperte, almeno per quanto mi riguarda... nomi a volte sconosciuti ma che si sono dimostrati sempre disponibili e simpatici, nonché bravissimi, e che hanno saputo consolare con dei bellissimi disegni tutti i presenti.

Il cortile che ospitava gli autori

Fare l'elenco sarebbe impossibile e rischierei di dimenticarne qualcuno, quindi non posso che consigliarvi di dare un'occhiata alla pagina della mostra a loro dedicata : Autori a Narnia Fumetto

I banchi degli espositori

Immancabile almeno per me, una visita alla mostra dedicata a Carmine Di Giandomenico che con oltre 200 tavole presentava una visione a 360° dell'opera di questo autore, con particolare attenzione alla sua ultima fatica: Magneto Testament.

La mostra

Che dire? Partiamo dalla locazione, non felicissima a dire la verità... Non tanto per i locali, ampi, spaziosi e con qualche sprazzo di estro, situati nei sotterranei della rocca, che comunque facevano il loro dovere, quanto alla poca visibilità dell'ingresso, posto nel retro rispetto a tutto il resto... Ho visto più di una persona tornare indietro prima di averlo raggiunto credendo che non ci fosse altro in quella direzione. Ovviamente le indicazioni c'erano ma non sempre riescono a fare il loro dovere.
Ma parliamo della mostra in sé e permettetemi di esprimere il mio personalissimo parere su questo autore: tra tutte i lavori presenti, ad una prima occhiata spiccavano le tavole di Magneto Testament, giustamente posizionate centralmente e ben visibili.

Magneto Testament


Poi ciò che mi ha trattenuto di più sono alcune delle tavole più visionarie, a volte ancora con una struttura ancora classica, ma con personaggi veramente particolari e situazioni quasi oniriche che venivano ben accompagnate dai disegni di Carmine.

Una tavola di Carmine

 

Ancora una tavola

Insomma non nascondo la mia personalissima passione per la sperimentazione e per la visionarietà , e spero che Di Giandomenico non abbandoni questa strada... magari in futuro ci sappia presentare ancora qualcosa, chi lo sa!
Unico appunto che posso fare, è che in alcune occasioni si è sentita la mancanza di alcune descrizioni alle tavole, la cui spiegazione poteva permettere di coinvolgere maggiormente il visitatore. Comunque, se siete passati per Narni mi auguro l'abbiate vista!

Battlin'Jack Murdock

A contorno del tutto, conferenze con autori, editori e molto altro che purtroppo ( per me) non ho potuto seguire causa miei ulteriori impegni ( non si mangia di soli fumetti ).
Quindi in poche parole una mostra che ha saputo divertire, che magari non ha saputo arricchire le collezioni di nessuno, ma capace però di arricchire ( questa volta sì ) il nostro piacere per il fumetto.
Rimane solo il dubbio della location, caratteristica e molto bella ma forse non del tutto adatta a contenere una fiera che miri ad espandersi.
Se ne volete sapere di più non posso far altro che rimandarvi alla pagina di facebook del gruppo Narnia Fumetto, dove Francesco Settembre fa un suo resoconto dell'evento.
Alla prossima.

Deliri notturni

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna